Wired.it – Un pezzo di Silicon Valley a Roma

Wired.it parla di iFix-iPhonecom e suo ecosistema

Wired.it – Un pezzo di Silicon Valley a Roma

Wired.it


Lo scantinato delle startup: un pezzo di Silicon Valley a Roma

Articolo di Wired.it

Wired Recensione iFix-iPhone

 

Una villa con giardino, bonus per i dipendenti che usano la bicicletta, massaggi settimanali. E quattro giovani società a dividere gli spazi. Una ricetta italiana per fare innovazione.

 

Una villa nel verde, con sala relax, giardino per le riunioni all’aperto, bonus per chi arriva al lavoro in bici o smette di fumare, massaggio settimanale e una mappa della zona con tips&tricks condivisa su Google: sono alcuni degli strumenti con cui Marco Trombetti, 32enne fondatore di Translated, azienda che si occupa di traduzioni online, cerca di convincere i migliori talenti a lavorare con lui. O presso di lui. Non bastasse questo, in progetto ha già l’acquisto di una seconda villa per realizzare una palestra interna e altre amenità in grado di attrarre gli innovatori in un’italian valley di nome e di fatto.

Nello scantinato del Pi Campus, sede di Translated in zona Eur a Roma, Trombetti ospita quattro startup (Memopaln-TrackGlamooiFixiPhone e una società di consulenza informatica), i cui dipendenti dividono spesso l’ufficio con quelli dei padroni di casa, o fra di loro, perché la condivisione di idee e progetti aiuta la crescita di tutti. Lo scantinato, come lo chiamano loro, in realtà è il piano terra della villa.

 

Marco, come ti è venuta questa idea?

 

“Translated aveva sede a Pomezia e avevo difficoltà ad attrarre talenti. I clienti erano nella Silicon Valley e a un certo punto ho deciso di ricreare un ambiente di lavoro accogliente come quelli della Valley. Volevo un luogo altamente raggiungibile, vicino a metropolitana, strade e aeroporto, senza rumore e con lo spazio per ospitare strartup, a partire da quella cui stavo lavorando all’epoca, Memopal”. 

 

E a che ti è servito?

 

“In tre anni Translated ha raddoppiato il fatturato raggiungendo i quattro milioni di euro”.

 

Natura e tecnologia: come stanno insieme queste due cose?

 

“Nella vita serve equilibrio: se spingi tanto in una direzione poi quello che ti manca è l’altra. Verde e relax compensano lo stress del lavoro al pc e stimolano la creatività, fondamentale per avere successo. Go green e mens sana in corpore sano sono fondamentali per noi”. 

 

Ma com’è che voi geek avete tutti la passione per l’ecologia?

 

“La green economy è il futuro e vogliamo essere early adopter. E poi sbattiamo la testa tutti i giorni contro gli elevati consumi dei data center, chiedendoci come risparmiare, quindi consumare meno energia e di conseguenza inquinare di meno”. 

 

Quante startup sono passate dalla tua villa?

 

“Per ora cinque. Ultimamente abbiamo cominciato a cercarne di nuove. Ho fatto otto incontri: tutta gente brava, ma non eccellente. Sono alla caccia di un caso di vero successo, uno Skype, Zynga o eBay che aiuti tutti a capire dove è il valore e che motivi imprenditori e giovani brillanti a remare nella stessa direzione”. 

...continua a leggere su WIRED!